Giovanni Guglielmo

Si è diplomato al Conservatorio B. Marcello di Venezia avendo studiato con i maestri Ettore Bonelli e Luigi Ferro. Nel 1962 ha ottenuto il primo premio assoluto al Concorso Nazionale di Violino Città di Vittorio Veneto. Membro del prestigioso complesso I Virtuosi di Roma e del Sestetto Chigiano ha fatto Duo con Riccardo Castagnone e con Ezio Mabilia. È fondatore di famosi gruppi cameristici quali L’Arte dell’Arco (per l’esecuzione di musiche antiche con strumenti originali) e I Solisti Filarmonici Italiani. È stato inoltre primo violino solista dell’Orchestra del Teatro La Fenice di Venezia e dell’Orchestra Nazionale di Santa Cecilia di Roma. Per quanto concerne l’attività solistica ha collaborato con direttori quali Sinopoli, Gracis, Pesko, Constant, Gelmetti, Sawallisch e con importanti orchestre sinfoniche. Il suo repertorio spazia in tutto l’arco della produzione violinistica, da Corelli ai contemporanei. È stato direttore artistico delle orchestre sinfoniche di S. Remo e del Teatro Olimpico di Vicenza. Titolare della cattedra di violino nei Conservatori di Padova, Venezia e Vicenza, è stato quindi direttore del Conservatorio A. Pedrollo di Vicenza. Tiene corsi di perfezionamento in Italia e all'estero. Attivamente impegnato sia in veste editoriale come pure in campo discografico nell'ambito della musica rara ed inedita del Settecento italiano (sta completando l’incisione integrale dei concerti per violino di G. Tartini), incide per Deutsche Harmonia Mundi, Dynamic, Chandons, Denon Nippon Columbia e Tactus. Ha pubblicato inoltre opere didattiche e revisionato varie composizioni del Settecento italiano. Suona un Bernardo Calcanius del 1712 con montatura barocca ed un Francesco Godetti del 1721 con montatura moderna. È Accademico dell’Accademia Olimpica di Vicenza e Socio Corrispondente dell’Accademia Galileiana di Padova.